Ultim’ora, squalifica Pogba: terribile notizia per i tifosi

Paul Pogba l’ha combinata grossa: la positività al doping lo mette nei guai. A quanto pare sarà impossibile evitare un lungo stop. La notizia è una mazzata per i tifosi

Ci mancava solo il doping. La carriera di Paul Pogba era già di per sé un punto interrogativo, in bilico da tre anni, tra problemi fisici e una continuità che proprio non riusciva a trovare.

pogba
Paul Pogba (calciomercatotv.it – LaPresse)

Finito ai margini nel Manchester United, è stato riportato alla Juventus dal compianto Mino Raiola con un’operazione col forte sentore di una scommessa. E infatti le cose non sono andate bene: sin dal suo ritorno alla Continassa il “Polpo” è stato il fantasma di se stesso. Un infortunio dietro l’altro e il sospetto che la “testa” del centrocampista non fosse più totalmente devota al recupero e a tornare a fare il calciatore. Eppure, con grande pazienza la stagione è passata, con Allegri che ha continuato a lavorare su di lui. L’affetto e la fiducia dei tifosi sembravano aver creato il clima giusto per il ritorno: due presenze in tre giornate, con qualche sprazzo del vero Pogba che fu.

Poi una mazzata incredibile e inaspettata. Il ragazzo positivo al doping, e “che doping”. Il testosterone è una delle sostanze maggiormente proibite, nota quasi a tutti come un ormone dopante in quanto potenzia la muscolatura. Pogba è risultato positivo, ed è entrato nel tipico tunnel che queste situazioni creano. C’è ancora poca chiarezza su quanto accaduto: la Juventus ha di fatto preso le distanze e lasciato le responsabilità al calciatore. Unico intervento a sua difesa, quello del suo agente: “Paul non ha mai voluto violare le regole”.

Juventus, disastro Pogba: comunque vada lo stop sarà molto lungo

Ammessa la buona fede del calciatore, bisognerà comunque giustificare la presenza nel suo organismo della sostanza vietata. E quindi scatta un iter lungo e inevitabile. Il calciatore ha richiesto le controanalisi (la ripetizione del test) per scongiurare una praticamente impossibile possibilità di errore medico. Una volta accertato il doping, Pogba dovrà giustificarsi. Come e perché lo ha assunto. La sola speranza è che lo abbia fatto totalmente a sua insaputa. Può succedere e ci sono dei precedenti: ma dovrà dimostrarlo alla giustizia sportiva.

pogba
(calciomercatotv.it – LaPresse)

Altrimenti la strada è quella della squalifica. Nella migliore delle ipotesi, se dovesse essere scagionato (si è dopato, ma a sua insaputa) andrà incontro alla sola sospensione (già iniziata) che di solito dura circa quattro mesi. Se invece sarà dimostrato il dolo il calciatore andrà incontro a una lunga squalifica. Da uno a quattro anni. C’è la possibilità, sempre in caso di dolo, che il calciatore chieda un patteggiamento. Ma in ogni caso, se scatterà la squalifica, lo stop sarà lunghissimo, anche considerando solo i quattro mesi di sospensione tornerebbe l’anno prossimo. In sostanza Pogba rischia di rimanere fermo anni, contando anche i problemi fisici del passato. Difficile, molto, pensare di recuperare la sua carriera. Intanto la Juve gli sospende l’elevatissimo stipendio da 10 milioni, in attesa di conoscere la posizione ufficiale del giocatore.

Impostazioni privacy