Napoli, erede Garcia: “Ho fatto il suo nome”

Il Napoli è ancora in rodaggio con Rudi Garcia, tanto che emerge un nome a sorpresa per un eventuale cambio in panchina

Il tecnico azzurro non è ancora tranquillo, la gara contro il Real Madrid e le altre partite di campionato saranno decisive per il futuro, ma emerge una voce che fa discutere e dividere in due la tifoseria campana.

Napoli nome post Garcia
Il tecnico azzurro ha qualche ombra in panchina (LaPresse) – calciomercatotv.it

Il presente parla di una squadra che, senza nemmeno troppi sforzi, in due gare ha segnato otto gol. È la nuova versione del Napoli di Garcia, una squadra che, contro avversari più modesti, riesce comunque a trovare la via della rete con facilità, anche se qualcosa andrà comunque rivista.

Di certo, i veri esami arriveranno prossimamente, con avversari di un certo livello che metteranno in serio dubbio la panchina di Garcia e la sua permanenza. La presa dell’allenatore francese è ancora tutta da dimostrare, i primi casi non hanno fatto bene all’ambiente e la società potrebbe già guardarsi intorno, con un nome che sarebbe un autentico colpo di scena.

Via Garcia? Il nome per la panchina del Napoli

Ai microfoni di Radio Kiss Kiss emerge un’indiscrezione e fa senza dubbio discutere. Il nome del sostituto di Rudi Garcia è in ballo, ci sarebbe una soluzione quasi alla De Laurentiis, ovvero quella di prendere un nome a sorpresa, spiazzando così la platea, come già accaduto in passato. A rivelarlo è Gianni Improta, il dirigente ha così lanciato una sorta di bomba: Leonardo Semplici allenatore del Napoli.

Napoli c'è l'erede di Garcia
Leonardo Semplici ha la stima di Gianni Improta (LaPresse) – calciomercatotv.it

Un nome all’improvviso per i tifosi, che nessuno aveva preventivato. Improta ha spiegato quali potrebbero essere le motivazioni di questa scelta quanto meno insolita per il futuro dei campani: “Ho fatto il nome di Leonardo Semplici per gli azzurri, io lo ritengo un bravissimo allenatore. Lo seguo da tempo, fin quando allenava la primavera della Fiorentina, dove ha lanciato parecchi ragazzi”.

Quella di Semplici è una candidatura spiazzante, almeno per il momento: “Fa giocare bene le sue squadre – continua Improta – e fa lo stesso lavoro in campo di Luciano Spalletti, che qui ha vinto uno scudetto”. Paragone e candidatura quanto meno insolita per il futuro dei campani, sarebbe una sorta di traghettatore per il futuro, onorato di tanta stima. I fatti però portano quanto meno ad essere un tantino perplessi su questa eventualità, considerando come nelle ultime stagioni non sia reduce da risultati eccellenti. A giugno è retrocesso con lo Spezia, prim’ancora invece esonerato col Cagliari a inizio stagione.