Milan, Pioli in scadenza: l’anno prossimo può allenare in un altro club di Serie A

Il tecnico parmigiano è in scadenza nel 2023 ma l’anno prossimo potrebbe continuare ad allenare in un club di Serie A.

Il Milan deve cancellare dalla propria mente le brutte prestazioni, di andata e ritorno, contro il Chelsea in Champions League per poter ripartire al meglio.

Stefano Pioli
Stefano Pioli, allenatore del Milan, l’anno prossimo potrebbe allenare in un altro club di Serie A (©LaPresse)

Pioli sa certamente come gestire situazioni simili: ora i rossoneri dovranno ripartire dalla prossima partita di campionato contro il Bologna. Tuttavia con il contratto in scadenza al 2023 il tecnico del Milan potrebbe andare via a fine stagione: una squadra di Serie A potrebbe piombare su di lui.

Milan-Pioli: un nodo da sciogliere

Il Milan, che è quinto in classifica – a pari punti con Lazio e Udinese – dovrà provare a dare il tutto per tutto per la scalata verso la vetta. C’è un nodo che però la dirigenza dovrà sciogliere: il rinnovo di Pioli che ha il contratto in scadenza nel 2023. Il tecnico parmigiano, dopo la clamorosa vittoria del campionato dell’anno scorso ha la piena fiducia da parte della dirigenza rossonera che, tuttavia, non ha ancora provveduto al nuovo contratto. In caso le due parti non dovessero raggiungere un accordo, a giugno il tecnico sarebbe libero di accasarsi altrove. Un club di Serie A, a quel punto, potrebbe fiondarsi su di lui.

La Juve su Pioli: può arrivare al posto di Allegri

Con il contratto in scadenza al 2023, la Vecchia Signora può pensare di ingaggiarlo proprio per l’inizio della stagione 2023/2024. Dopo la conferma di Allegri sulla panchina della Juventus fino a fine anno, si potrebbe pensare che, nel caso in cui il tecnico livornese non dovesse centrare gli obiettivi della dirigenza, Agnelli virerebbe su altro. A quel punto, qualora Pioli e il Milan non dovessero trovare l’accordo, il tecnico parmigiano verrebbe accolto dal club bianconero a braccia aperte. Con un passato da calciatore in bianconero (dal 1984 al 1987), Stefano Pioli sarebbe ben visto da molti dei giocatori che in questo momento non vedono di buon occhio Allegri. Ora però il tecnico dovrà portare avanti questa stagione e provare la risalita dal quinto posto.

Il Milan tergiversa con i rinnovi: anche quello di Leao slitta

Il Milan ha dei rinnovi in sospeso: oltre a quello di Pioli ci sarebbe il contratto di Leao da rinnovare. Maldini, ai microfoni di Sky, è stato chiaro, ammettendo che il Milan valuterà offerte per il gioiellino portoghese. A quanto pare il rinnovo di Leao è semplicemente slittato a data da destinarsi: sembra che la dirigenza voglia farlo prima del Mondiale.

Rafael Leao
Rafael Leao, attaccante del Milan (©LaPresse)

Proprio negli ultimi giorni, infatti, i contatti tra l’entourage del forte attaccante classe ’99 e la dirigenza rossonera sono ripresi. Anche se ballano ancora un paio di milioni, l’intesa tra le due parti potrebbe raggiungersi senza troppe grane. Il problema che potrebbe insorgere, però, deriva dall’interesse di alcuni club verso il prodigio rossonero: Chelsea e PSG, pronte a strapparle al Diavolo già a gennaio.