Greenwood, svolta sul futuro: ha trovato la squadra

L’ormai ex Manchester United, dopo essere tornato in libertà, è alla ricerca di un’altra squadra: spunta una nuova destinazione

Mason Greenwood è passato dall’essere il Golden Boy del calcio inglese a diventare la bestia nera da sbattere in prima pagina date quelle accuse pesanti di stupro e violenza sessuali che hanno distrutto la sua carriera.

Futuro Greenwood è un'incognita
Futuro Greenwood sempre più incerto (LaPresse) – Calciomercatotv.it

La vita del classe 2001, il secondo giocatori più giovane a esordire con la maglia dei Red Devils, è cambiata più di un anno fa e da allora il calcio è stato l’ultimo dei suoi problemi tra tribunale, avvocati, giudici e sentenze. Tutto questo fino a qualche mese fa quando le accuse a suo carico sono cadute: il ragazzo è tornato in libertà ma sta affrontando molti problemi per rilanciare la sua ancora giovane carriera da atleta, ricordiamo interrotta nel gennaio 2022 in seguito alle accuse della sua ex ragazza.

Quale sarà ora la prossima destinazione di Greenwood? Una domanda difficile a cui rispondere anche se diversi indizi circolano insistentemente nelle ultime ore.

Futuro Greenwood: opportunità araba

La domanda che frulla nella testa di Greenwood in questo momento riguarda chiaramente il suo futuro nel mondo del calcio, perché un passato così turbolento potrebbe significare la pietra tombale sulla vita di ogni atleta.

Di recente il Manchester United, dopo un primo comunicato nel quale prendeva in considerazione il reintegro in rosa di Greenwood, ha comunicato che vista la sua impopolarità all’interno del club non farà parte della rosa di Erik Ten Hag. Prevedibile, anche sei Red Devils avevano sperato fino all’ultimo di poterlo accogliere di nuovo in rosa: a prescindere da tutto, Greenwood (dall’età di sei anni allo United) rimane un giocatore di talento e uno dei migliori prodotti del settore giovanile della squadra di Manchester.

Greenwood non lo vuole più nessuno
Mason Greenwood, futuro sempre più complicato (LaPresse) – Calciomercatotv.it

Appurato che il Manchester United ha ufficializzato la sua volontà di non reintegrarlo in rosa, anche altri club della Premier League hanno negato qualsivoglia trattativa. Così rimane l’opzione estero: si era parlato persino di Roma, ma anche in questo caso si è trattata di una flebile voce di mercato dato che nemmeno nella Capitale sarebbe disposti ad accoglierlo.

Rimane infine la pista araba, l’unica che in tal senso potrebbe accontentarlo. Ci sarebbe l’Al Ettifaq di Steven Gerrard, squadra che aveva aperto un tiepido sondaggio per lui. Ma anche in questo caso, malgrado Greenwood accetterebbe volentieri l’avventura araba anche per mettersi definitivamente alle spalle il suo passato, difficilmente la trattativa potrebbe andare in porto.

Impostazioni privacy