Lo mandano al quel paese, spaccatura giocatori-allenatore

Lo mandano platealmente a quel paese: è spaccatura calciatori-allenatore. Ecco, nel dettaglio, quello che sta succedendo

Il Napoli è sempre più una polveriera. La luna di miele per il terzo scudetto è ormai finita. L’entusiasmo e i cori hanno lasciato posto alla preoccupazione e ai fischi, piovuti al termine del match contro la Fiorentina che ha espugnato il ‘Maradona’ per 3-1, secondo ko tra le mura amiche per i campioni d’Italia.

Spaccatura calciatori-allenatore
Spaccatura calciatori-allenatore: lo mandano a quel paese (LaPresse)-calciomercatotv.it

D’altra parte, gli azzurri al momento in classifica sono quinti, quindi fuori dalla prossima edizione della Champions League, e accusano un ritardo di sette punti dalla vetta, occupata dal Milan.

Inevitabili, pertanto, i fischi dei tifosi e le critiche della stampa che convergono su un unico bersaglio: Rudi Garcia. Pur concedendogli l’attenuante di aver raccolto la pesante eredità dell’allenatore che ha regalato il terzo tricolore dopo 33 anni di attesa, l’ex tecnico giallorosso ci sta mettendo del suo per destabilizzare un ambiente, che fino a qualche mese fa era un’oasi felice, con le sue cervellotiche scelte tattiche e una gestione del gruppo quantomeno rivedibile.

Ma, a prescindere dalle sue scelte tattiche, il principale capo d’accusa che pende su Garcia è che sembra non avere più le redini del gruppo agli occhi del quale pare aver perso credibilità e autorevolezza come suggeriscono i plateali atteggiamenti che si concedono gli azzurri quando vengono richiamati in panchina.

Mandano al quel paese Garcia. Pruzzo: “Spaccatura giocatori-allenatore”

Sulle reazioni degli azzurri al momento del cambio si è pronunciato Roberto Pruzzo, ex giocatore e attualmente apprezzato opinionista di ‘Radio Radio’: “Garcia ha qualche responsabilità, ma se i giocatori si possono permettere il lusso di mandarlo a quel paese, vuol dire che qualcuno glielo concede. È una situazione molto al limite che non fa presupporre niente di buono“.

E, in effetti, il bomber dello scudetto della Roma del 1983 ha colto nel segno. Anche quello che è il principale sponsor del tecnico francese, il patron azzurro Aurelio De Laurentiis, comincia a interrogarsi sulla permanenza di Garcia sulla panchina dei campioni d’Italia.

Pruzzo Garcia spaccatura calciatori
Pruzzo: “Se mandano a quel paese Garcia è perché qualcuno glielo concede” (LaPresse)-calciomercatotv.it

Intervenuto alla ‘LUISS’ di Roma, il Presidente del Napoli, riconoscendo il momento difficile che il club azzurro sta vivendo con Garcia, ha annunciato, da imprenditore che ha il dovere di interessarsi alla sua azienda, che prenderà “le decisioni più opportune quando sarà il momento di prenderle. La piazza non può essere condizionante, bisogna sempre fare una pausa riflessiva perché le decisioni affrettate sono sbagliate“.

Insomma, anche alla luce delle voci sempre più insistenti circa l’approdo a Castel Volturno di Antonio Conte, tutto lascia intendere che Rudi Garcia abbia le settimane contate all’ombra del Vesuvio.

IL CALCIOMERCATO NON FINISCE MAI:
Non perdere nemmeno un colpo, scarica l’app di Calciomercato.it: CLICCA QUI