Manchester United: ritorno clamoroso, ha già detto si

Avrebbe anche già detto di sì, ci sarebbe solo da mettere nero su bianco: tifosi del Manchester United increduli

C’è un lato felice di Manchester e chi conosce la storia sa che non è mai stato così. Il lato celeste, quello dei tifosi del Manchester City, è sempre stato spento, almeno per quanto riguarda i successi. Anzi, i Citizens hanno spesso lottato per non retrocedere mentre in Premier League dominava il Manchester United. Per pochi anni si sono dati realmente battaglia, oggi invece i Red Devils non lottano più per il titolo e in questo avvio di stagione sono già lontani dal poterlo fare.

United, si pensa ad un posto in dirigenza per Beckham
Manchester United (calciomercatotv.it – Ansa foto)

I tifosi della nuova generazione dello United sperano che un cambio di passo o perché no, di dirigenza avvenga ed anche in fretta. Al momento per esempio, l’allenatore ten Hag rischia di non arrivare a fine stagione e la sua squadra è nell’anonimato del decimo posto in classifica. Niente di cui esaltarsi, sicuramente.

Ritorno clamoroso! Ha già detto sì

A quanto pare però c’è la possibilità che qualcuno arrivi e che non pensi subito al cambio di guida tecnica. O meglio, per ora i rumors si interessando di tutt’altro. Qualora dovesse arrivare lo sceicco Al Thani, il primo cambiamento lo farebbe nei ruoli dirigenziali. Visto il nome interessato, sembrerebbe anche una mossa per avvicinare subito il pubblico alla nuova proprietà e di nuovo alla squadra.

In una bellissima canzone di Michele Zarrillo si dice che “L’amore torna prima o poi”. Infatti, secondo Talksport la persona contattata per un eventuale ruolo di ambasciatore sarebbe niente meno che David Beckham che avrebbe già risposto in maniera positiva. Becks non si perderebbe mai la possibilità di tornare nella “sua” Manchester, dopo vent’anni dal suo addio. L’inglese diventato una delle star internazionali non solo dal punto di vista sportivo, ha iniziato proprio da lì.

Beckham, possibile ritorno allo United
David Beckham (calciomercatotv.it – Ansa foto)

L’esordio da giovanissimo avvenne nella stagione 1994/95, mentre la partenza definitiva si ebbe nell’estate del 2003, quando il centrocampista accettò il Real Madrid. Da poco è anche uscito un documentario su Netflix che ripercorre tutti i passi in campo e fuori della carriera del londinese, dove si vede quanto tenga ancora allo United.

Non potrebbe proprio, effettivamente, dire no il classe ’75 ancora molto amato da chi lo ha visto giocare negli anni Novanta ed inizi dei Duemila con la maglia rossa. Potrebbe tranquillamente fare l’ambasciatore per lo United, pur essendo ancora oggi il proprietario dell’Inter Miami, squadra che gioca in un altro continente, ma per ora devono incastrarsi ancora troppe coincidenze per rivederlo lì.