Il peccato originale ha nome e cognome: Andrea Agnelli

L’ex Presidente della Juventus Giovanni Cobolli Gigli, durante un’intervista, critica pesantemente la vecchia gestione del club e in particolare l’operato dell’ex patron Andrea Agnelli

Tra penalizzazioni, risultati deludenti, calciatori che avrebbero chiesto la cessione e il nuovo ds che non arriva, la. Juventus si trova sicuramente in un periodo molto difficile, risentendo delle conseguenze di tante scelte sbagliate fatte nel corso degli anni dalla dirigenza bianconera.

È stato Andrea Agnelli il problema principale della Juventus?
Andrea Agnelli indicato come colpevole principale della situazione della Juventus (LaPresse) – Calciomercatotv.it

Le tante accuse, i processi, le diatribe con la UEFA per la questione Superlega, sono tutte conseguenze di una gestione che molti juventini hanno definito scellerata, con la dirigenza guidata dall’ex Presidente Andrea Agnelli. È questa l’opinione di un altro ex Presidente, Giovanni Cobolli Gigli che, ospite a Cusano Italia TV durante la trasmissione “Cose di Calcio” ha aspramente criticato l’operato del nipote dello storico Avvocato.

Cobolli Gigli attacca Agnelli: “Ha commesso errori madornali”

Durante il suo intervento in trasmissione, l’ex numero uno bianconero ha parlato delle tante scelte sbagliate del rampollo della famiglia Agnelli, dicendo: Credo che la Juventus negli ultimi anni abbia commesso errori gravissimi. L’acquisto di Cristiano Ronaldo, l’addio di Marotta dalla società, Paratici che non ne ha fatta una giusta. Agnelli a fine partita lo mandava a fare interviste perché voleva metterlo in difficoltà. Perfino Nedved, che è stato uno dei più grandi campioni della storia della Juve, da vice Presidente non funzionava. Non aveva la diplomazia che deve avere qualcuno che ricopre una carica del genere”.

“Mi auguro che la squadra riparta nel modo migliore la prossima stagione. Anzi credo che, per la prima volta, la Juventus stia facendo un bagno di umiltà che doveva fare anni fa. Penso abbiano capito che non si può andare avanti spendendo più di 100 milioni per due anni consecutivi. Non puoi arrivare ad una situazione in cui gli azionisti hanno dovuto ricapitalizzare per 400 milioni di euro. Bisogna ridimensionare il sistema di gestione del club. Non puoi dare 8 milioni a Pogba o 30 a Cristiano Ronaldo. Non puoi mettere una stella isolata rispetto a tutto il resto della squadra e dei calciatori. Questi sono errori madornali“.

Cobolli Gigli indica in Andrea Agnelli il problema della Juventus
Cobolli Gigli: “La situazione della Juventus è colpa di Andrea Agnelli” (ANSA) – Calciomercatotv.it

Cobolli Gigli commenta anche le scelte degli allenatori negli ultimi anni: “Sarri era un allenatore di grandi capacità, ma all’epoca non era da Juventus. Lui stesso quando se ne è andato ha capito e ammesso che il clima della squadra non era fatto per lui. Nel 2020 hanno preso Pirlo, persona brava e allenatore capace, ma non è riuscito a fare quel che doveva. Non erano solo i cambi di allenatore a darmi dubbi, ma l’atteggiamento della società, e non parlo di chiamate o intercettazioni. Si capiva che non c’era più la società degli anni passati, Agnelli ha creato una tensione nella squadra che non era costruttiva ma distruttiva“.