Clamoroso ritorno all’Inter: è l’erede di Correa

L’Inter sta portando diverse trattative per rinfoltire la propria rosa offensiva. Per Inzaghi la priorità è avere maggiori alternative in panchina

Dopo l’addio di Dzeko e il mancato ritorno di Lukaku, adesso potrebbe salutare anche Correa, tentato dalle sirene arabe. Per sostituirlo Marotta e Ausilio hanno in mente un grande ritorno.

Correa in uscita dall'Inter
L’Inter pensa al sostituto di Correa (calciomercatotv.it – Ansa)

Il mercato dell’Inter sta prendendo una direzione ben precisa, senza Lukaku. Il centravanti belga doveva essere il fiore all’occhiello della campagna acquisti, con uno sforzo non da poco per riportarlo definitivamente a casa. Un investimento da 40 milioni per strapparlo al Chelsea una volta per tutte e ricostruire l’attacco su di lui.

Peccato che tutto questo si è interrotto a causa di un comportamento a dir poco bizzarro e poco rispettoso. I tifosi non ne vogliono più sapere e anche Inzaghi ormai se n’è fatta una ragione. Marotta e Ausilio stanno lavorando su altre piste proprio in queste ore. L’idea era quella di provare con Morata, in uscita dall’Atletico Madrid, ma i Colchoneros non sembrano propensi ad accettare meno di 21 milioni (questioni di bilancio) e a quelle cifre la trattativa si è bloccata.

Il nome nuovo è invece Gianluca Scamacca, in partenza dal West Ham e cercato con insistenza anche dalla Roma di Mourinho.

Inter, se esce Correa si pensa ad Arnautovic come quarta punta: non vede l’ora di tornare a Milano

Scamacca potrebbe però non essere l’unico innesto in attacco per l’Inter, che si è già aggiudicata Marcus Thuram a parametro zero. I nerazzurri stanno pensando di mettere a disposizione di Inzaghi anche una quarta punta di esperienza.

Arnautovic può tornare all'Inter
Clamoroso ritorno in casa Inter (calciomercatotv.it – Ansa)

Se consideriamo infatti il possibile roster a disposizione dell’ex tecnico della Lazio abbiamo un quadro piuttosto verde. Lautaro è un classe ’97, Thuram idem e Scamacca è del ’99. Serve una chioccia, magari più funzionale tatticamente di Correa.

Si perché per arrivare ad un altro profilo offensivo la conditio sine qua non è la partenza dell’argentino. Su di lui ci sono da tempo le sirene dell’Arabia Saudita. Non è ancora arrivata un’offerta da un club specifico, ma alcuni intermediari stanno lavorando sulla sua disponibilità ad accettare quella soluzione. A quanto pare ci sarebbe stata una sostanziale apertura e a questo punto l’Inter spera di monetizzare.

Per rimpiazzarlo ad Appiano Gentile vorrebbero Marko Arnautovic, che fece parte della rosa nerazzurra nel 2009/2010, l’anno del Triplete con Mourinho. L’attaccante del Bologna può liberarsi con pochi milioni e sarebbe felicissimo di tornare. Dipende tutto da Correa.